venerdì 26 marzo 2010

IL PANINO DEL(LA) MOTOCICLISTA


Questo panino è dedicato a tutti quelli che prendono la moto non per andare al lavoro, non per spostarsi da un posto all'altro, ma per il puro piacere di percorrere kilometri spensierati disegnando strade con le due ruote... fermandosi nel silenzio di un bosco a mangiare un panino portato da casa...
Questo panino è uno dei miei preferiti durante le scampagnate, non manca mai. Qui sotto la ricettina, e se volete sapere qualcosa in più di me... andate oltre.

INGREDIENTI per 2 panini:
2 rosette
2 salsicce
300 gr di cicoria
vino bianco
aglio, olio extravergine, peperoncino, sale

PREPARAZIONE:
Pulite la cicoria e cuocetela direttamente in padella con l'olio, l'aglio ed il peperoncino. A parte tagliate in due ogni salsiccia per lungo e cuocetele in poco olio, sfumate con il vino e al termine della cottura toglietele dalla padella.
Aprite in due le rosette, e se non sono vuote, svuotatele. Inzuppate ogni metà inferiore nell'olio delle salsicce.
Si, lo so, sembra una cosa schifosa, ma lo so io quanto è bbono! :-) Fidatevi!
Ora costruite bene gli strati: parte inferiore della rosetta unta bisunta,  cicoria ripassata in padella, salsiccia aperta a metà e, prima di chiudere avrete pulito la padella della cicoria con la parte superiore delle rosette.
Ecco, chiudete i panini in un tovagliolo e poi nella stagnola. Infilate nello zaino insieme ad una bottiglia di acqua e... buona strada!

Ed ora, per chi vuole, qualcosa di me.
Sono una persona dinamica ed ho molti interessi ed hobby, anche se al momento sono più impegnata a costruire una piccola famiglia ancora giovane ma...

Prima che arrivassero le due birbe, io e mio marito eravamo appassionati Motociclisti, e chi ha la moto nel cuore rimane Motociclista anche quando si prende la decisione di lasciare la propria compagna un momento da parte.
Questo "momento" per me è durato 4 anni, fra le due gravidanze e il lungo allattamento di ogni bambina, e questa settimana finalmente, ho fatto risistemare la mia vecchia e fidata Honda Transalp 600.
Per me è quasi come una figlia... abbiamo imparato a camminare insieme fidandoci una dell'altra, le ho dato da mangiare quando ne aveva bisogno (leggi benzina), le ho cambiato il pannolino quando era sporco (leggi olio e filtro motore) sporcandomi le mani, le comprato le scarpette nuove quando le vecchie erano consumate (leggi gomme). Siamo cadute insieme, ed insieme ci siamo rialzate, controllando i graffi e qualche livido (e per fortuna niente di grave). Le ho insegnato a cantare (ho montato un bel paio di trombe al posto del cicalino, per questo sono conosciuta negli ambienti Motociclistici come "Trombetta"). Abbiamo fatto il bagno insieme (perché anche d'estate un acquazzone ti coglie all'improvviso). Ci siamo fermate a scorgere i tramonti sui tanti passi degli Appennini e delle Alpi (quelli sul Sella ed il Rolle non li dimenticherò mai; ancora oggi, al solo ricordo mi vengono i brividi). Insieme abbiamo conosciuto persone fantastiche, percorrendo decine di migliaia di kilometri in Italia e all'estero; ho corso con lei per scappare da qualche maleducato incontrato sulla strada... o per rincorrerlo...
Abbiamo accompagnato Gino Strada fino dentro al Vaticano, nella manifestazione "Per Uno Straccio Di Pace", con un fazzoletto bianco legato allo specchietto.
Tante, ma tante mangiate insieme agli Amici Motociclisti, accompagnate sempre da tante, ma tante risate fragorose!
Fra i tanti raduni ricordo una Pasquetta dove portai la macedonia di frutta, dentro una pentola a pressione chiusa nel bauletto posteriore... quanto abbiamo riso insieme a tutti gli altri!
In sella a lei sono andata al mio matrimonio, a fianco a mio marito in sella alla sua.
 Abbiamo creato il panico dentro  Roma, quel giorno, perché la coda di Amici in moto (venuti da tutta Italia, isole comprese)  era interminabile... ringraziamo ancora i Falchi in borghese, anche loro rigorosamente in moto, che ci hanno fatto strada bloccando il traffico facendoci passare con il rosso e nei sensi unici, per arrivare prima alle Terme di Caracalla, dove ci siamo sposati. Gestire quasi duecento motociclisti che rombano e suonano il clacson attraversando tutta Roma non deve essere stato facile per loro.
Al nostro matrimonio c'erano più Motociclisti che parenti... e questo ve la dice lunga su che tipo di persone siano i Motociclisti... gente strana... ma vera.
Vorrei scrivere tanto, tanto, ma tanto sulle emozioni vissute in sella alla mia Transalp, ma... mi ha aspettato per 4 lunghi anni in silenzio, ed ora è lì fuori che mi chiama con il suono dei suoi due cilindri, per andare a fare un giro appena si presenta l'occasione, pronta per farmi vivere di nuovo tanti bei momenti di vita, con acqua, sole, vento o neve.

Una sola raccomandazione: non confondetevi mai tra un Motociclista ed un possessore di moto, soprattutto in estate è facile sbagliarsi. Ho trovato qui la  lettera di un padre di un motociclista, che non è più tra noi e... non trovo parole migliori per descrivere Noi Motociclisti. Leggete anche voi, vi prego, ne vale la pena, ed alzate un poco il volume...

17 commenti:

Vale ha detto...

salsiccia e cicoria??? devo farlo assolutamente, scampagnato oppure no! ciao ciao :)

Luvi ha detto...

io ricordo anche quando da uno dei due bauletti della tua Moto saltò fuori una macchinetta Imperia...grande connubio moto e cucina, grandi passioni che non possono essere limitate.
Luvi & Lilliput...

(si perchè i motociclisti danno anche un nome alla propria moto.:D )

Federica ha detto...

ammazza che buono!

iana ha detto...

fantastico il panino ma anche le scampagnate! Mio padre andava in moto e mi ricordo quanto mi piacesse quella sensazione unica!

natalia ha detto...

beh, mi hai convinto! ti aspetto.
bei tipi i motociclisti...

CRI ha detto...

Complimenti, un post meraviglioso e toccante. Ma davvero vi siete sposati in moto???? Bellissimo e originale. Il panino... mangiandolo non potrò fare a meno di pensare a voi. Grazie, per il post intero ;)

Mary ha detto...

un panino al volo e vaiiiiiiiiiii.

Per la pizza è di WATT 600-

Anonimo ha detto...

Hai detto tutto!

Theo ;-)

Antonella ha detto...

Mi hai fatto venire i brividi...fichissimo il vostro matrimonio!;)
Occupo spesso e volentieri la sella come passeggero.....ma sono anni che non ne guido una.....:(
Bacioniiiiiiiiii
p.s.: 'ndo stanno le etichette???? ;D

manuela e silvia ha detto...

Eh le rosette sono un pane che si presta davvero bene per il panino! sostanzioso e gustoso il ripieno eh?!
baci baci

ilcucchiaiodoro ha detto...

Pensa che anche noi ci siamo sposati in moto!!! Io mi sono fatta fare un doppio vestito da sposa per l'occasione... però con una differenza io gli ero dietro perchè sono un pericolo per gli altri anche in bicicletta! Il panino va bene anche per me che di moto no ne guido? Spero di si!
Comunque complimenti

Gunther ha detto...

non sapevo di questa tua predilezione per la moto ma mi piace molto, i figli cambiano un po le abitudini, io comunque il panino cosi me lo preparo lo stesso, io vado in biciletta e me lo gusterò in una pausa.

pinguil ha detto...

un panino fantasticooo, non solo per i motociclisti!!!!

Francesca ha detto...

Non sono motociclista, ma avverto un amore profondo... bellissimo il tuo racconto!!!
Il panino dev'essere divino...!!
Franci

Barbara ha detto...

x Vale: sempre buono! Anche in casa!

x Luvi: L'Imperia saltata fuori dal mio bauletto l'avevo dimenticata! Mamma mia quanto tempo è passato! Eravamo a casa tua e... nessuna delle due sapeva che cosa fosse un blog... Saluta Lilliput da parte di Pennellona... presto si rincontreranno anche loro!!! LAMPZ!

x Federica: puoi dirlo forte!!!

x Iana: beh, anche se ora vai in macchina... lo puoi sempre preparare!!!

x Cri: già, è stato uno dei giorni più belli della nostra vita! Grazie per il pensiero! A presto!!!

x Mary: ogni tanto ci vuole! Meno tempo ai fornelli e... via con il sole! Grazie per il consiglio della pizza!!!!

x Theo: Nooooo! Il Presidente sul mio blog!!! Che onore!!! Doppio lampz, ci si vede presto su due ruote!!!

x Antonella: Già, anche tu mi capisci... le etichette? Quali etichette? SGRUNT! La nuvoletta non funziona più a nessuno di quelli che l'avevano... chissà che ha combinato blogger... SOB!

x Manuela e Silvia: già, bello genuino!

x Gunther: che bello in bici! Così lo smaltisci pure prima!!! ;-)

x Ilcucchioaiodoro: allora non siamo solo noi i pazzi!!! Gustati il panino e... io le scarpe per la cerimonia le portavo nel bauletto... :-)

x Pinguil: verissimo! Sempre gradito! Un bacio e a presto!!

x Franci: le passioni che vengono dal cuore non ci lasciano mai... grazie per aver! Se ami i sapori decisi, saprai apprezzare anche questo gustoso panino! A presto!

Anonimo ha detto...

Ciao! Sono una motociclista e ho apprezzato molto sia la tua ricetta (che "bbona" come dici tu!) che il tuo racconto e anche il link che hai lasciato e che devo dire avevo già visto sul sito del mio club di moto il "Club CBF" -Ho una CBF600 che si chiama "Civetta"! E' stato un piacere conoscerti (e il tuo pannino!).. Kalifornia - ossia - Karen

Barbara ha detto...

x Karen: piacere mio di conoscerti! Grazie per le tue parole, spero di incontrarti anche su strada! A presto!!!

Posta un commento

Dimmi che ne pensi!
Puoi lasciare un commento anche come utente anonimo, ma ricordati di firmare, grazie!

Blog Widget by LinkWithin