martedì 6 aprile 2010

LA PASSATA DI POMODORO DEL DR. PAGANI


In questo ultimo anno ho avuto modo di conoscere diversi medici del reparto Pediatria  dell'Ospedale S. Andrea di Roma. Nulla di grave per fortuna, ma una delle mie bimbe ha avuto a che fare con qualche intolleranza alimentare che, grazie al loro prezioso aiuto, si è lasciata alle spalle. I medici erano diversi ad ogni controllo, e tutti, dal primo all'ultimo, sono estremamente preparati e professionali, oltre che gentili e sempre con il sorriso sulle labbra. Non conosco quasi nessuno dei loro nomi, ma uno mi è rimasto in mente all'ultimo controllo... quello del Dr. Pagani. Ho scoperto che questo bravissimo medico è anche un ottimo cuoco, con conoscenze tecniche avanzate in materia di cucina. Proprio parlando di come si poteva cucinare al meglio il pomodoro, senza far perdere le sue proprietà con cotture "stressanti", mi ha suggerito di preparare una passata di pomodoro partendo da pomodori asciugati in forno. Io ho provato a farla e, dopo aver apprezzato questa "spremuta di pomodoro" la progongo anche a voi!

INGREDIENTI:
pomodori da sugo

PREPARAZIONE:
Accendete il forno a 100-110  gradi, statico, e tagliate a metà tutti i pomodori. Metteteli in una teglia con la parte del taglio rivolta in alto. Inserite nel forno anche un mestolo di legno, che servirà ad assorbire l'umidità che rilasceranno.
Lasciateli così per circa 4 ore; dovranno asciugarsi ma non dovranno prendere colore (in questo caso abbassate la temperatura aumentando il tempo).
Per far uscire il vapore in eccesso potete aprire ogni tanto uno spiraglio per pochi secondi, giusto il tempo di far uscire la nuvoletta di vapore.
Trascorso il tempo necessario prendete i pomodori e passateli nel passaverdure, oppure come ho fatto io nel colino cinese. Otterrete così una passata ricca, con un sapore ed un profumo intensi, pronta per essere servita su un bel piatto di pasta.
Grazie al Dr. Pagani per avermi suggerito questa ricetta, e grazie ancora a tutti i medici del reparto pediatria del S. Andrea di Roma, perché grazie a loro oggi la piccola Gaia può mangiare di nuovo i pomodori!!!

11 commenti:

chamki ha detto...

Magnifica idea,
anche io faccio i pomodori seccati al forno e li uso per la pasta ma mi limito a tagliarli a pezzettini, adesso userò la tua ricetta [Dr pagani] e sono certa che la salsa sarà saporitissima. Io però tolgo i semi che sono acquosi e la parte centrale non matura.
Ciao.

Carciofo e Cavolfiore ha detto...

probabilmente qualcun altro l'ha già scritto ma le tue storie raccontate così sono molto simili a quelle di Pellegrino Artusi del tanto famoso libro!!!

Betty ha detto...

che bella ricetta! quest'estate voglio provarla!
grazie mille per averla condivisa con noi, baci.

anna... ha detto...

squisito da leccarsi il piatto...
si può??

che carino il tuo blog...
ti lascio il mio nuovo indirizzo
http://unpodibricioleincucina.blogspot.com/
se ti và passa a trovarmi.. ^_^
mercy

Alessandra ha detto...

c'è sempre da imparare. è bello quando i consigli arrivano dalle persone più impensate! Spesso i medici sul lavoro sono freddi, tecnici e distaccati. Sicuramente i pediatri (non so se il dottor Pagani ne era uno, ma ci sono buone probabilità) sono più teneri ma questo signore ha dimostrato che bisogna rassicurare e mettere a proprio agio le mamme preoccupate.
Quindi anche se la ricetta non fosse interessante, ma lo è, la proverei anche solo per rendere omaggio a tutte quelle persone carine che sono ahimé sempre più rare.
Grazie bà, è un ottimo suggerimento. La passata sembra davvero buona e genuina!
Baci

Alem ha detto...

io lo faccio spesso anche con i pomodorini più piccoli e li taglio a pezzetti!!!
viene una pasta buonissima!

Antonella ha detto...

hai capito il dottor Pagani! ;)
Che bella "dritta" quella del cucchiaio di legno ;)
Un bacione!

Barbara ha detto...

x Chamki: penso che come fai tu va bene lo stesso... tanto quando raffiniamo il tutto bucce e semi rimangono nel passino... Baci!!!

x Carciofo e Cavolfiore: ... veramente sei tu la prima... !!! Magari fossi famosa come lui... ma forse sto sulla buona strada?!? Ahahha!!! Alla prossima!

x Betty: Si, il periodo migliore è proprio l'estate, quando i pomodori maturano al sole... e i prezzi sono bassi!!! Bacioni!

x Anna: prego accomodati... ma dovrai vedertela con le bimbe affamate! A presto!

x Ale: grazie cara! E' vero, di persone gentili se ne incontrano poche... ma al S. Andrea sembra che le abbiano concentrate tutte lì! Ahahah! Tienilo presente tra un po'... Bacioni!!!

x Alem: già... come dico io.. proprio una spremuta di pomodoro! Un abbraccio!

x Antonella: Sono rimasta a bocca aperta pure io, quando l'ho sentito parlare di forni con le valvole per il vapore... davanti ai miei occhi si è materializzato un cuoco al posto del medico... incredibile! Smack!

Anonimo ha detto...

ciao sono leidy,straniera e non sono molto prattica in cucina, ma la tua ricetta mi piace tantisimo, la farò sensa altro alla piccola giusy,cuando possa mangiare la pasta, ma la cipolla,sedano,carotte non vanno? ah, posso mettere nel frizzer? grazie mille mi sei di gran aiuto

Barbara ha detto...

Ciao Leidy, sedano, carota e cipolla puoi metterli sicuramente, a pezzetti piccoli, ed eventualmente frullarli insieme al pomodoro quando è tutto cotto. Il sugo pronto puoi metterlo nel frizer.
Un abbraccio a te e alla piccola Giusy!

Anonimo ha detto...

Ciao sono Francesca e sto preparando proprio in questo momento la tua ricetta che sembra molto interessante. Ho solo una piccola domanda, i pomodori li devo passare subito dopo averli tolti dal forno, o cmq quando sono ancora caldi, oppure posso farli raffreddare? grazie mille :)

Posta un commento

Dimmi che ne pensi!
Puoi lasciare un commento anche come utente anonimo, ma ricordati di firmare, grazie!

Blog Widget by LinkWithin